Notizie


Obesità, studio Eu dimostra effetti benefici dieta mediterranea

Rapporto diretto alimentazione-microbiota intestinale-salute.
Effetti benefici di un intervento nutrizionale con la Dieta Mediterranea sulla composizione e sulle funzionalità del microbioma intestinale, sul metaboloma sistemico e sui livelli di colesterolo in una popolazione sovrappeso a rischio di sviluppo di malattie cardiovascolari. Li dimostra uno studio europeo, coordinato dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Copenaghen e l’istituto francese MetaGenoPolis.La ricerca, appena pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Gut, evidenzia come esista un rapporto diretto tra l’alimentazione, il microbioma intestinale e la salute dell’uomo.I partner del progetto europeo DINAMIC – Diet-induced Arrangement of the gut Microbiome for Improvement of Cardiometabolic health – hanno condotto uno studio di intervento nutrizionale randomizzato controllato di 8 settimane in soggetti sovrappeso e obesi con uno stile di vita sedentario. I risultati mostrano chiaramente che un cambiamento nel comportamento alimentare, senza alcuna concomitante modifica dell’apporto energetico individuale dell’assunzione di macronutrienti e dell’attività fisica, può ridurre i livelli ematici di colesterolo, già dopo 4 settimane, in una popolazione a elevato rischio cardio-metabolico per uno scorretto stile di vita.Inoltre, una maggiore aderenza alla dieta mediterranea induce cambiamenti del microbioma intestinale e della sua funzionalità, importanti per la salute umana. In linea con gli aspetti legati alla nutrizione personalizzata, i dati mostrano che alcuni individui ospitano un microbioma intestinale che è più suscettibile ai cambiamenti indotti dalla dieta mediterranea e vanno incontro ad ulteriori vantaggi clinici come il miglioramento della sensibilità all’insulina e dello stato infiammatorio.

Fonte: Askanews.it


Altre Notizie:

Succo di ribes nero, ananas e prugna contro danni ...

Pranzo troppo grasso e pesante? Un aiuto contro lo 'stress infiammatorio' postprandiale arriva da un succo di frutta a base di ribes nero, ananas e prugna.

Lo ha dimostrato una ricerca dell'INRAN,...

Leggi

Sulla neve acqua ‘IN’, alcolici ‘OUT’.

Il rischio di disidratazione è alto anche durante l’inverno, soprattutto durante la pratica sportiva, con conseguenze sulla coordinazione, l’affaticamento muscolare e la comparsa...

Leggi

Troppo al cellulare?

Il cervello non è più lo stesso dopo aver parlato a lungo con il cellulare. A dirlo uno studio americano pubblicato oggi su Jama che dimostra come stare incollati al telefono mobile almeno 50 minuti...
Leggi

Troppo divano, pochi giochi all'aperto.

Troppo divano, videogiochi e computer: e i bambini di oggi sono, rispetto a 10 anni fa, meno sportivi e più deboli fisicamente. I loro muscoli sono meno reattivi, in particolare quelli delle braccia...
Leggi

Tumori: da prevenzione a lettini solari, al via ca...

Secondo uno studio condotto in Germania un buon programma di prevenzione e screening della pelle puo' diminuire notevolmente l'incidenza del melanoma.

Se ne e' discusso oggi nel corso della...

Leggi

Un nuovo antiossidante dal pomodoro.

Secondo l'Instituto de Biología Molecular y Celular de Plantas (IBMCP) di Valencia (Spagna), il pomodoro contiene un potente antiossidante finora sconosciuto. Ne dà notizia Environmental and...
Leggi