Notizie


Cure palliative: scoperto l’interruttore per “spegnere” il dolore

Studio Italia-Usa pubblicato su Pnas

Roma, 24 mag. (askanews) – Un interruttore per “spegnere il dolore”. Un recentissimo studio getta le basi per lo sviluppo di nuove terapie antidolorifiche – che non siano a base di narcotici – per combattere il dolore cronico di cui soffrono milioni di persone a causa di infortuni e malattie, tra cui lesioni del midollo spinale, diabete, sclerosi multipla e cancro. I farmacologi, Livio Luongo e Serena Boccella afferenti al gruppo di Ricerca di Sabatino Maione, ordinario di Farmacologia della Università Vanvitelli, in collaborazione con i ricercatori della università di St. Louis (USA) coordinati dalla Prof.ssa Daniela Salvemini, hanno identificato un nuovo protagonista nella fisiopatologia del dolore neuropatico. Nello studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica PNAS e condotto negli Stati Uniti e presso la Vanvitelli, gli autori hanno dimostrato, sugli animali in questa prima fase, che un particolare recettore cellulare, presente nel nostro organismo, potrebbe essere il colpevole della comparsa del dolore che limita drammaticamente la qualità della vita dei pazienti neuropatici. “Il dolore neuropatico può essere grave e non sempre risponde al trattamento – dice la coordinatrice Daniela Salvemini dell’Università di Saint Louis – antidolorifici oppioidi sono ampiamente utilizzati, ma possono causare importanti effetti collaterali e portare i rischi di dipendenza e abuso. C’è un urgente bisogno di opzioni migliori per i pazienti affetti da dolore cronico”. Ecco perché questo studio mira a trovare altri sistemi per combattere il dolore neuropatico che siano alternativi all’uso dei narcotici. (segue)

Fonte: askanews.it


Altre Notizie:

Ritorna l'influenza, soluzione piu' efficace e' il...

Si abbassano le temperature e con l'arrivo della stagione fredda e la ripresa delle attivita' scolastiche, aumentano le malattie infettive, soprattutto quelle di origine virale. Tra queste, fa...

Leggi

Scrivo o digito?

Sbagliando si impara? Sbagliato: s’impara scrivendo, rigorosamente a mano. Si potrebbe aggiornare così l’antico adagio su quello che fa bene al nostro cervello. Per aumentare la conoscenza bisogna...
Leggi

Scuola al via, acqua al mattino per iniziare col p...

I bambini italiani non bevono adeguatamente a colazione: quasi 2 terzi di loro arriva tra i banchi di scuola non correttamente idratato.

Questo e' quanto emerso dallo studio ''Italian Children Go to...

Leggi

Se esposti al fumo passivo le otiti nei bambini...

Infezioni all'orecchio - e in particolare all'orecchio medio - più frequenti per i bambini che vivono con i genitori fumatori: è quanto emerge da uno studio effettuato da un gruppo di studiosi della...
Leggi

Senza sigarette migliorano autostima e soddisfazio...

Chi smette di fumare ha il futuro assicurato. Parola dei ricercatori dell'Università del Wisconsin (Usa) che hanno dedicato alla vita dopo il tabagismo uno studio pubblicato sulla rivista...

Leggi

Sfatato un falso mito, lo stretching...

Qualcuno lo giudica noiosi e ripetitivi, altri lo tralasciano per mancanza di tempo, il terzo partito assicura “mai senza”. Una cosa è sicura: lo stretching pre-corsa non garantisce dai risentimenti...
Leggi