Notizie


Fumo, sigarette per uno studente su 5 già fra i 13 e i 15 anni

Anche se la maggior parte sa che il fumo è dannoso

Più di uno studente su cinque dai 13 ai 15 anni fuma tabacco, il fumo di sigaretta è più diffuso tra le ragazze (23,6%) rispetto ai coetanei maschi (16,2%) mentre per quanto riguarda la sigaretta elettronica sono i ragazzi ad usarla abitualmente di più (21,9%) rispetto alle ragazze (12,8%). La metà ha respirato fumo passivo in casa, la maggior parte dei ragazzi è consapevole che il fumo è dannoso. Questi alcuni dati presentati al workshop sui Risultati dell’indagine sui giovani e il tabacco 2018 – Global Youth Tobacco Survey (GYPS) effettuata in Italia nell’anno scolastico 2017-2018. La sorveglianza GYTS, promossa dall’OMS e condotta in collaborazione con il CDC di Atlanta, è effettuata con frequenza quadriennale su un campione rappresentativo a livello nazionale di studenti di età compresa tra 13 e 15 anni. In Italia la rilevazione 2018 è stata condotta dall’Istituto superiore di sanità, con il coordinamento del ministero della Salute all’interno di un progetto del CCM (Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie). L’indagine ha utilizzato un questionario standard e ha coinvolto 33 scuole secondarie di primo grado e 33 scuole secondarie di secondo grado con un tasso di risposta complessivo del 77,4%. Il 21,3% degli studenti (17,8% dei ragazzi e il 25,1% delle ragazze) utilizza attualmente prodotti a base di tabacco. Il 20,8% degli studenti (17,5% dei ragazzi e il 24,3% delle ragazze) fumano attualmente tabacco. Il 19,8% degli studenti (16,2% dei ragazzi e il 23,6% delle ragazze) fumano attualmente sigarette. L’1,6% degli studenti (1,8% dei ragazzi e l’1,5% delle ragazze) attualmente utilizza tabacco senza fumo. Il 17,5% degli studenti, il 21,9% dei ragazzi e il 12,8% delle ragazze utilizza attualmente sigarette elettroniche. 

Fonte: askanews.it


Altre Notizie:

Senza sigarette migliorano autostima e soddisfazio...

Chi smette di fumare ha il futuro assicurato. Parola dei ricercatori dell'Università del Wisconsin (Usa) che hanno dedicato alla vita dopo il tabagismo uno studio pubblicato sulla rivista...

Leggi

Sfatato un falso mito, lo stretching...

Qualcuno lo giudica noiosi e ripetitivi, altri lo tralasciano per mancanza di tempo, il terzo partito assicura “mai senza”. Una cosa è sicura: lo stretching pre-corsa non garantisce dai risentimenti...
Leggi

Sole amico del seno, esposizione ...

Passare almeno tre ore al giorno alla luce del sole diminuisce il rischio di cancro al seno fino al 50% grazie a un aumento della di vitamina D nella pelle. Ad annunciarlo è uno studio pubblicato...
Leggi

Stati d'animo negativi?

Lo shopping può davvero rendere felici. E a dirlo non è la protagonista della nota serie di libri «I love shopping», ma la rivista Journal of Psychology and Marketing, che ha pubblicato uno studio...
Leggi

Succo di ribes nero, ananas e prugna contro danni ...

Pranzo troppo grasso e pesante? Un aiuto contro lo 'stress infiammatorio' postprandiale arriva da un succo di frutta a base di ribes nero, ananas e prugna.

Lo ha dimostrato una ricerca dell'INRAN,...

Leggi

Sulla neve acqua ‘IN’, alcolici ‘OUT’.

Il rischio di disidratazione è alto anche durante l’inverno, soprattutto durante la pratica sportiva, con conseguenze sulla coordinazione, l’affaticamento muscolare e la comparsa...

Leggi