Notizie


Ritorna l'influenza, soluzione piu' efficace e' il vaccino

Si abbassano le temperature e con l'arrivo della stagione fredda e la ripresa delle attivita' scolastiche, aumentano le malattie infettive, soprattutto quelle di origine virale. Tra queste, fa capolino l'influenza, una malattia che ogni inverno interessa dal 10% al 30% della popolazione pediatrica e che, quest'anno, potrebbe colpire un numero piu' elevato di bambini.

Come sostiene la professoressa Susanna Esposito, Presidente della Societa' Italiana di Infettivologia Pediatrica e Direttore della Prima Clinica Pediatrica alla Fondazione Policlinico di Milano e' ''prevedibile che quest'anno l'influenza stagionale colpisca un numero maggiore di bambini rispetto allo scorso anno, perche' i virus in circolazione hanno caratteristiche diverse da quelle dei virus degli anni scorsi, quindi anche coloro che hanno recentemente sofferto di influenza o si sono vaccinati negli anni passati, saranno poco protetti dalla nuova infezione e potranno ammalarsi nuovamente''. Per affrontare al meglio l'inizio dell'anno scolastico e l'arrivo della stagione fredda, la Professoressa Esposito consiglia di effettuare la vaccinazione antinfluenzale anche ai bambini sani che frequentano le comunita' scolastiche (in particolare, asili nido, scuole materne e scuole elementari).

Da tempo, infatti, molti Paesi tra cui Stati Uniti, Canada, Finlandia, Austria e Messico hanno adottato la vaccinazione universale per tutti i bambini, a partire dai 6 mesi d'eta' e recentemente anche la Gran Bretagna ha deciso di utilizzare questo sistema di prevenzione: a convincere le Autorita' Sanitarie d'oltre Manica e' stato il dato, elaborato da una commissione apposita, secondo cui la riduzione del 40% dei casi di influenza ottenuta grazie al vaccino, potrebbe evitare undicimila ospedalizzazioni e duemila morti all'anno.

Esistono numerosi virus e batteri di diversa origine che, oltre alla semplice influenza, sono responsabili di patologie a carico delle vie aeree e che causano anche patologie ricorrenti, in particolar modo nei bambini che iniziano a frequentare l'asilo nido o la scuola materna.

La ricorrenza delle infezioni rappresenta spesso una fonte di preoccupazione per i genitori e, di conseguenza, comporta una serie di disagi nella normale vita familiare: basti pensare, ad esempio, alla perdita di giornate lavorative da parte della madre o del padre per accudire il figlio malato.

Per questo motivo, oltre al vaccino antinfluenzale che viene sempre piu' spesso consigliato dai pediatri, va diffondendosi il ricorso ai cosiddetti rimedi ''alternativi'' come gli immunostimolanti, i probiotici, le cure termali.

(Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)


Altre Notizie:

Malattie del cuore prima causa di morte nel mondo,...

Giornata Mondiale per il Cuore, 29 settembre

Si deve fare ancora molto per aumentare la consapevolezza degli italiani sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, e su quali siano le armi...

Leggi

Meditazione: dagli Usa all’Italia è boom di “segua...

Un successo globale, mercato da 1,2 mld di dollari in forte crescita

Lo stress dalla routine lavorativa e il logorio della vita moderna sono un problema sempre più diffuso. Una condizione...

Leggi

In forma dopo l’estate? Ecco la “dieta del rientro...

Con l'aiuto dei prodotti surgelati preziosi alleati per la linea.

In vacanza, si sa, ci si concede qualche libertà in più soprattutto a tavola: pranzi, cene, spuntini fuori pasto, il...

Leggi

Over 65 restii mollare cattive abitudini anche con...

Iss: non smettono di bere e fumare

Sono poco meno di 2 milioni gli italiani con più di 65 anni che hanno ricevuto una diagnosi di tumore, di questi 2 su 10 dichiarano di essere in pessime...

Leggi

Salute, sul web attenzione a false promesse delle ...

Studio Univ. Padova su 253 marchi: 40 con informazioni fuorvianti

L’uso massiccio del web marketing rende molto più difficile il monitoraggio delle indicazioni nutrizionali e sulla...

Leggi

Solo 17% fumatori italiani ha informazioni su prod...

Studio Philip Morris: mancanza informazione ostacola prodotti alternativi

La mancanza di informazione ostacoli prodotti alternativi al fumo: solo il 17% dei fumatori italiani dichiara di avere...

Leggi