Notizie


Sfatato un falso mito, lo stretching...

Qualcuno lo giudica noiosi e ripetitivi, altri lo tralasciano per mancanza di tempo, il terzo partito assicura “mai senza”. Una cosa è sicura: lo stretching pre-corsa non garantisce dai risentimenti muscolari e altri traumi. Lo afferma uno studio condotto presentato oggi al congresso annuale dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons che però raccomanda di non cambiare abitudine se si è soliti dedicarsi agli esercizi di allungamento prima dell’allenamento. La ricerca ha incluso 2,729 atleti dilettanti che hanno percorso 10 o più chilometri a settimana: metà del gruppo non eseguiva gli esercizi per allungare i muscoli, l’altra invece faceva correttamente lo stretching coinvolgendo quadricipiti, muscoli femorali e gastrocnemio - muscolo posizionato nella parte posteriore della gamba - per cinque minuti prima della corsa. I dati dicono che tra un gruppo e l’altro non ci sono state differenze rilevanti, mentre è più facile che si verifichino problemi per chi cambia abitudine, sia per chi improvvisamente tralascia il riscaldamento sia per chi non l’aveva mai fatto. “Da corridore, io stesso ho sempre pensato che lo stretching prima della corsa aiuta a prevenire gli infortuni”, afferma l’autore dello studio, ?l’ortopedico statunitense Daniel Pereles. In realtà i fattori di rischio più significativi sono i traumi subiti negli ultimi quattro mesi; un più elevato indice di massa corporea e, appunto, eliminare o introdurre il passaggio dallo stretching alla corsa, “cosa che implica che l'improvvisa introduzione di un regime - dice Pereles - può essere più determinante del regime stesso”. (Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)

Altre Notizie:

Malattie del cuore prima causa di morte nel mondo,...

Giornata Mondiale per il Cuore, 29 settembre

Si deve fare ancora molto per aumentare la consapevolezza degli italiani sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari, e su quali siano le armi...

Leggi

Meditazione: dagli Usa all’Italia è boom di “segua...

Un successo globale, mercato da 1,2 mld di dollari in forte crescita

Lo stress dalla routine lavorativa e il logorio della vita moderna sono un problema sempre più diffuso. Una condizione...

Leggi

In forma dopo l’estate? Ecco la “dieta del rientro...

Con l'aiuto dei prodotti surgelati preziosi alleati per la linea.

In vacanza, si sa, ci si concede qualche libertà in più soprattutto a tavola: pranzi, cene, spuntini fuori pasto, il...

Leggi

Over 65 restii mollare cattive abitudini anche con...

Iss: non smettono di bere e fumare

Sono poco meno di 2 milioni gli italiani con più di 65 anni che hanno ricevuto una diagnosi di tumore, di questi 2 su 10 dichiarano di essere in pessime...

Leggi

Salute, sul web attenzione a false promesse delle ...

Studio Univ. Padova su 253 marchi: 40 con informazioni fuorvianti

L’uso massiccio del web marketing rende molto più difficile il monitoraggio delle indicazioni nutrizionali e sulla...

Leggi

Solo 17% fumatori italiani ha informazioni su prod...

Studio Philip Morris: mancanza informazione ostacola prodotti alternativi

La mancanza di informazione ostacoli prodotti alternativi al fumo: solo il 17% dei fumatori italiani dichiara di avere...

Leggi