Notizie


Troppo al cellulare?

Il cervello non è più lo stesso dopo aver parlato a lungo con il cellulare. A dirlo uno studio americano pubblicato oggi su Jama che dimostra come stare incollati al telefono mobile almeno 50 minuti alteri il metabolismo del glucosio di alcune aree del cervello prossime all’antenna, senza però provare che questo faccia male. Lo hanno stabilito i ricercatori del National Institutes of Health di Bethesda, negli Usa. Gli scienziati hanno arruolato 47 persone invitate ad avere conversazioni al cellulare da 50 minuti ognuna. Intanto grazie alla tomografia (Pet) hanno misurato la distribuzione del glucosio nel cervello una volta con il cellulare acceso ma "muto" - in modo che non fosse percepibile nessuna differenza -, un’altra con il dispositivo spento. Il risultato è che nella prima condizione il metabolismo di alcune regioni del cervello (?corteccia orbitofrontale e temporale) più vicine all’antenna del dispositiva si incrementava del 7%. "Gli aumenti erano significativamente correlati con i valori stimali del campo elettromagnetico - scrivono gli autori - dimostrando che le aree cerebrali che hanno avuto il maggior assorbimento di campi elettromagnetici sono state quelle che hanno avuto incrementi maggiori del consumo di glucosio”. Non si tratta della prova regina che il cellulare faccia male, ricordano gli autori, evidenza finora sfuggita alle pur numerose ricerche sull'argomento da parte di centri di ricerca in tutto il mondo. È solo la prova “che il cervello umano è sensibile agli effetti dei campi elettromagnetici”, ricordano i ricercatori, ma non che gli effetti abbiano ricadute a lungo termine. Resta da capire ancora che effetti questo possa produrre in generale sull’attività cerebrale e sulla salute, perché, come concludono i ricercatori, “questi risultati non forniscono alcuna informazione in merito alla rilevanza per quanto riguarda potenziali effetti cancerogeni - o la mancanza di tali effetti - di un uso abituale del cellulare". Ulteriori studi sono necessari per capire se “questi effetti potrebbero avere conseguenze dannose a lungo termine”. (Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)

Altre Notizie:

Salute, sul web attenzione a false promesse delle ...

Studio Univ. Padova su 253 marchi: 40 con informazioni fuorvianti

L’uso massiccio del web marketing rende molto più difficile il monitoraggio delle indicazioni nutrizionali e sulla...

Leggi

Solo 17% fumatori italiani ha informazioni su prod...

Studio Philip Morris: mancanza informazione ostacola prodotti alternativi

La mancanza di informazione ostacoli prodotti alternativi al fumo: solo il 17% dei fumatori italiani dichiara di avere...

Leggi

Senza peli è meglio, è boom epilazione definitiva ...

Spalle e schiena le zone più richieste dagli uomini

Il trend appare decisamente in crescita: accanto alle donne, che restano la maggioranza, sempre più uomini scelgono...

Leggi

Oms: triplicati i casi di morbillo in tutto il mon...

Soltanto nel periodo gennaio-luglio 2019

Dall’1 gennaio al 31 luglio di quest’anno si sono registrati 364.808 casi di morbillo in tutto il mondo, un aumento enorme: tre volte il dato...

Leggi

Dieta sbagliata importante fattore rischio tumore ...

Esperti: familiarizzare con gli alimenti amici della salute.

Una dieta sbagliata rappresenta un importante fattore di rischio per i tumori, in particolare per quelli del tratto gastrointestinale. Ma ...

Leggi

Estate, si parte in 2 ma non si torna in 3: relax ...

L'esperto: mito sfatato, concepimenti soprattutto in inverno.

Vacanze d’estate in arrivo e insieme a queste può crescere il desiderio di avere un bambino. E’ infatti nel periodo...

Leggi